Home > Simbolo di atlantide

Simbolo di atlantide

Simbolo di atlantide

Erano temibili guerrieri, possedevano una tecnologia per la navigazione quasi futuristica e troviamo una loro presenza massiccia in Sardegna. Tutto questo ha portato allo sviluppo di alcune teorie che identificano la Sardegna con Atlantide. Troppo violenti e con la convinzione di essere una razza eletta volevano soggiogare i popoli primitivi della terra e essere venerarat i come Dei. Essi fondarono la loro base in Sardegna e con le tecnologie rubate hanno continuato a manipolare la storia, cercando di occupare sempre posizioni di comando.

Prima della fine del , molto probabilmente, il loro dominio cesserà per sempre, ma questa è un altra storia. Ma perchè gli Svizzeri decidono di mettere gli Shardana sui franchi? Quale sarebbe per te il messaggio occulto in essi? Perchè hanno scelto di raffigurare il momento in cui furono cacciati da Atlantide? Umano, Umanoide…non esiste nemmeno su wikipedia! Michela Sulla bandiera Svizzera è presente una croce, la croce è sia il simbolo cristiano, ma è anche il simbolo di Osiride.

Gli Shardana sono la gente di Osiride. La Svizzera è una delle casseforti del mondo. I potenti dove portano i loro soldi? Un veicolo, un vascello che naviga sulle linee della creazione. Molto interessanti le tue considerazioni, danno davvero modo di riflettere. Per famiglia intendono: Che se si accorge che lui ha mangiato la sua patatina, si arrabbia! La cameriera, seppur di origini Ucraine e quindi non capisce il tedesco, parla in inglesew dicendo: Orgoglio, superbia, cupidigia, prevaricazione. Per il momento non posso soddisfare la tua curiosità, ma mi hai dato un ottimo spunto per uno dei prossimi articoli. Ma che quella sulla banconota svizzera è una scultura di Alberto Giacometti e non un bronzetto nuragico, voi lo sapevate vero?!

Ognuno sceglie la sua realtà, il bello di questo mondo è proprio questo: In ogni libro un osservatore diverso. Salve a tutti, come già qualcun altro che si è affacciato su questo blog anche io sono sardo ,e come altri anche io sono interessato alla storia del mio popolo e più in generale alla storia del mediterraneo culla di civiltà fantastiche. Buona luce a tutti. Intanto il ballerino và ed i loro nomi avrà perchè tutto si confonde con il niente ed è là che LUI è. E nello specifico caso di Atlantide,nel Crizia torna a dire: Nello spazio di un giorno e di una sola terribile notte, la vostra armata fu inghiottita d'un sol colpo e anche Ecco perche' ancora oggi quell'oceano Come epoca siamo fuori,per collegarla ad Atlantide,a meno che si possa ammettere un errore di datazione da parte di Platone ma -d'altra parte- la sua estensione era troppo vasta per poter essere 'contenuta'nei limiti di questa area geografica dell'EGEO.

Ma Platone fornisce alcune enigmatiche 'indicazioni': Inoltre,da alcuni studi condotti sulle rovine dell'isola greca,si è potuto confrontare il profilo verticale basato su carte idrografiche con la ricostruzione che si ottiene seguendo le indicazioni di Platone e si è osservato il medesimo schema alterno di terra ed acqua. L'eruzione vulcanica di Thera potrebbe essere collegata alla registrazione da parte Egiziana di un evento accaduto nello stesso periodo,in cui vi fu "Oscurità prolungata,inondazioni e tuoni". La scomparsa di Thera avrebbe portato alla scomparsa della civiltà minoica,la cui fine è ancora un mistero e aver favorito lo sviluppo di quella micenea.

Potrebbe essere stato l'impatto con un corpo celeste,tipo un meteorite,un asteroide o frammenti di cometa. Non concepisco il pensiero Ufficiale,secondo il quale se un reperto è 'inclassificabile',ovvero non rientra in alcuna delle caselle della storia umana che hanno già scritto anzitempo,non debba essere importante. Anche fosse un solo esemplare,quel reperto c'è!

E perchè c'è,se in quel momento non avrebbe dovuto esserci,se la 'tecnologia'di quel periodo -ci dicono- era ferma a determinati livelli? L'importante è porsi sempre domande,di fronte agli anacronismi che ci paiono 'fuori posto'. Esse ci porteranno ad approfondire aspetti che non sospettavamo neppure. Oggi,con i moderni mezzi di esplorazione tecnologici,stiamo assistendo a fatti interessanti: Viene spontaneo domandarsi: Una città sommersa al largo di CUBA.

Il 14 maggio veniva data notizia dalla d. Osservazioni compiute con: Chiaramente forme create da mano umana". Periodo cui si fa risalire: Sembra che tali strutture si trovino in una faglia poco distante da un vulcano inattivo,di alcune faglie geologiche e dal letto di un fiume. La struttura è alta circa 40 metri,chiaramente un tempo doveva essere emersa. Le 'piramidi'ricordano. L'area occuperebbe un'estensione di 10 Kmq: Studi sono in corso.

Si estendono per oltre metri in lunghezza e la caratteristica è che sembrano formare una strada,la "Strada di Bimini" conosciuta anche come 'Muraglia'. Qui si vede un blocco portato in superficie recentemente da Frank Joseph,che ha esplorato direttamente il sito sottomarino. Si noti come la squadratura rende quasi impossibile l'ipotesi di una formazione naturale.

Le descrizioni fatte da Platone ne escluderebbero il collegamento con Atlantide. Allora di cosa potrebbe trattarsi? A soli 5 metri di profondità si trovano interessantissimi resti di colonne di Marmo di Carrara! Non è stata data ancora fornita una risposta. Nella 'mappa di Piri Reis',del ,è segnata tra le altre cose che vedremo in un'apposita sezione una grande isola-al centro dell'arcipelago delle Bahamas-che al centro presenta grossi blocchi disposti in fila,alcuni dei quali si trovano anche sulla linea costiera orientale.

Ma oggi quest'isola non esiste più Grafico i cui picchi rivelano la presenza di mura a distanza regolare. Le strutture si estendono per circa 18 Kmq e accanto ad esse,per circa 9 Km,si nota il profilo del letto di un fiume. Gli studiosi accademici sono scettici quando non lo sono? Ulteriori studi sono in corso. A 22 metri di profondità giace una scala realizzata nel basalto vivo e altre si trovano a profondità diverse. Abbiamo parlato della geografia di questi luoghi nella sezione dedicata all 'Egitto. Ma l'Atlantide di Platone dov'è? Forse un luogo dove ognuno di noi possa ritrovare la parte 'perfetta'di sè stesso. Segnalo la presenza,anche in Italia,di reperti 'anomali'ancora poco conosciuti e poco indagati.

Ricordiamo le strutture sommerse di Capocolonna,in Calabria: Resta un mistero come abbiano potuto essere trasportati. A Capocolonna si trovano,sui fondali,blocchi pesanti tonnellate e un mezzo di trasporto adatto allo scopo,in epoca Romana,non esisteva! Ammettendo pure che prima quelle colonne erano fuori dalle acque,che sono molto basse tra l'altro,e costituissero un complesso archeologico,"non si spiega comunque come siano stati portati in loco" stralcio da un'intervista rilasciata da Pippo Castellano,su "Hera"n.

Le notizie più recenti sconvolgerebbero la 'geografia'fin'ora accettata,spostando le 'colonne d'Ercole' in Italia! Ecco un articolo al riguardo: Su Atlantide si è scritto di tutto e si sono fatte le ipotesi più diverse su dove ubicare il mitico continente scomparso: A queste teorie se ne aggiunge ora una suggestiva. Assodato che, ovunque fosse, Atlantide si trovava al di là delle colonne d'Ercole, per qualcuno queste colonne non coincidevano, come da sempre si è pensato, con lo stretto di Gibilterra.

Secondo la teoria illustrata dall'archeologo Sergio Frau nel libro "Le colonne d'Ercole, un'inchiesta", il limite estremo del mondo antico andrebbe spostato dalla strozzatura tra Spagna e Marocco al più prossimo canale di Sicilia. Una considerazione che darebbe ad Atlantide i confini noti e rassicuranti della Sardegna, l'isola più grande al di là del canale. L'idea da cui nasce lo spostamento delle colonne, è semplice; secondo i racconti dei navigatori riportati nella letteratura antica, lo stretto posto agli estremi della Terra avrebbe fondali bassi e limacciosi come il canale di Sicilia , costellati di secche sulle quali venivano sbattute le navi. Lo stretto di Gibilterra ha invece fondali profondi, una contraddizione palese con quanto riportato dalle fonti.

Ma perché la Sardegna e non, poniamo, le Baleari? Il mito parla di Atlantide come di una terra che dava tre raccolti all'anno in Sardegna è possibile e che, tra le sue peculiarità, era cinta da mura di ferro l'isola è ricca di giacimenti di metallo. Se si considera inoltre che i fondatori della civiltà nuragica potrebbero avere legami di "parentela" con i Fenici, navigatori e alimentatori del mito di Atlantide, si ha un elemento in più per sostenere la teoria.

La parola spetta ora alla geologia: E avremmo Atlantide a Porto Cervo.

Atlantide: il modello per immagini e simboli – II ^ parte - EreticaMente - EreticaMente

KARNAK • Simbolo di Atlantide Karnak, o Barra Atlantica, è uno dei più antichi e potenti simboli conosciuti. Il simbolo è inciso su di un anello che è stato ritrovato . KARNAK • Simbolo di Atlantide Karnak, o Barra Atlantica, è uno dei più antichi e potenti simboli conosciuti. Il simbolo è inciso su di un anello che è. Perché in effetti l'essere umano di quaggiù ha la stessa relazione con il Cosmo che ha l'Uomo ideale con il Vivente-in-sé e, dal momento che. E significativo che il Simbolo di questo Eone, nel suo primo aspetto, sia la Stella a Cinque Punte contenente nel suo centro il Radiante Bindu (a questo. Se questa 'ricostruzione'dovesse corrispondere alla reale mappa di Atlantide,la grande distribuzione di questo SIMBOLO-che possiamo assimilare ad un. I dialoghi di Platone Timeo e Crizia, scritti intorno al a.C., contengono i fu lasciata, secondo i suoi desideri, l'isola di Atlantide. che pone al centro la città di Atene, simbolo di sobrietà e rigore, ma. Quasi tutti coloro che si occupano di Atlantide tendono a lasciarsi trasportare dalla fantasia o dall'incredulità, pochissimi poi si spiegano la vera.

Toplists